Le caratteristiche tecniche:

Le banche che hanno acquisito a 1 euro: Ubi Banca (le 4banks) ed Intesa San Paolo (le Banche Venete) potrebbero riportare “sinteticamente” nel perimetro di acquisto della Good Bank anche le obbligazioni subordinate totalmente escluse dai ristori.

Le obbligazioni azzerate resterebbero nella Bad bank al fine di rispettare il principio del Burden Sharing. L’inclusione avverrebbe invece attraverso l’emissione volontaria (Ubi ed Intesa sono società private e possono farlo) di uno Zero Coupon ventennale AT1 Style  a compensazione, consentendo un ripristino della condizione di creditori ai possessori delle subordinate.

I vantaggi:

La costruzione di un Zero Coupon AT1 STYLE a lunga scadenza sarebbe un «buffer» di capitalizzazione per  Ubi Banca ed Intesa, poiché parteciperebbe alla costruzione dei parametri MREL e TLAC imposti da BCE. Naturalmente, essendo uno Zero Coupon, le due banche non avrebbero cedole da pagare durante il periodo di vita dello strumento.

Si eviterebbero le azioni legali  che naturalmente non possono non derivare da una situazione «anomala» come quella dell’azzeramento.

Si incorporerebbero in una singola «solution» strumenti diversi: ovvero obbligazioni subordinate con duration diverse. Si avrebbe quindi una soluzione «semplificata».

Bruno Puricelli

Condividi: